Questo sito utilizza cookies di terze parti per offrire un miglior servizio all'utente. Continua la navigazione | Maggiori informazioni
Desdemona - L'insonne

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

I personaggi


Desdemona "Desdy" Metus

Desdemona Vive a Firenze, dove condivide un appartamento in affitto con l’amica Brighitta. Afflitta da una persistente insonnia, probabilmente causata dalla misteriosa sparizione della madre quando era ancora bambina, Desdemona è la voce di Radio Strega attraverso il programma “L’Insonne”, grazie a cui viene a contatto con individui sorprendenti pronti a raccontare storie intriganti e misteriose. Desdemona, che sembra costruita sul modello degli speaker americani stile Wolfman Jack, apparsi in film come Talk Radio o Voci nella notte e del nostrano Jack Folla creato da Diego Cugia, affronta con coraggio e determinazione gli intrighi che avvolgono la storia italiana e, se ne ha modo, rivela i torti e le ingiustizie che molti vorrebbero tenere nascoste. Così facendo si è guadagnata la stima di molti, ma anche l’odio di molti di più.

Isaia Metus

Isaia Metus Professore all’università di Bologna, uomo coltissimo ed eccellente giocatore di scacchi, Isaia non ha un buon rapporto con la figlia Desdemona, che gli rimprovera le sue frequentazioni massoniche e i molti segreti taciuti sulla scomparsa della madre. Figlio naturale della zingara Zveza e adottivo del gerarca nazista Kurt Galler, Isaia ha per lungo tempo militato dentro la Loggia Nera, per poi fuoriuscire grazie all’amore per la moglie Amelie e la figlia Desdemona, passando dalla parte della Fratellanza. Insieme a Cibele, la più anziana delle "Tre Madri" al vertice della Loggia, ha stipulato una tregua tra i due schieramenti, grazie anche a documenti compromettenti che ha rubato con cui ricatta l’organizzazione esoterica, e che verrebbero resi noti nel caso lui morisse.

Fabio Ballerini

Fabio Ballerini Regista de L’insonne, spesso affianca Desdemona nelle sue indagini private. Il simpatico Fabio, inguaribile dongiovanni e ragazzo pieno di risorse, è un valido aiuto per la trasmissione e per coloro che vi lavorano: inoltre è sempre pronto a mettersi nei guai per seguire Desdemona di cui è segretamente innamorato.

Il Boss

Il Boss Radio Strega può contare sull’infaticabile Boss, il burbero capo di Radio Strega. Ex pugile e accanito fumatore di sigari, il Boss, al secolo Piero Conti, fa del suo meglio per mandare avanti la baracca e per far sì che ogni notte i suoi ascoltatori siano in compagnia della calda voce amica di Desdemona.

Brighitta

Brighitta Alternativa coinquilina di Desdemona simpaticissima e votata alle discipline orientali e ai cibi sani. Malgrado questo, soffre di disturbi dell’alimentazione.

Fulvia

Fulvia Padrona di casa di Desdemona e fattucchiera, sempre pronta ad abbindolare i suoi clienti creduloni.

Commissario Leone

Commissario Leone Fedele amico di Desdemona (anche se vorrebbe diventare qualcosa di più...) e del team di Radio Strega. Deciso, onesto e incorruttibile, indaga sulle due organizzazioni antagoniste e sarà fondamentale nella felice conclusione della serie.

Cronide

Cronide Vera antagonista di Desdemona, è evidentemente il suo complementare oscuro. Nipote di Cibele, figlia di Sarah, contemporaneamente nipote e figlia di Isaia (poiché è stata concepita con inseminazione artificiale), questa bellissima Lolita psicopatica ha una mente turbata da gravi manie di persecuzione, complessi di inferiorità e da un insanabile istinto omicida. Non si sa mai con certezza per chi lavori Cronide, se per sé stessa o per la Loggia Nera: di certo Sarah vorrebbe estrometterla dalla sua carica all’interno della triade per sostituirla con Desdemona, ma Cronide su questo non è molto d’accordo. Letale come un serpente velenoso e ammaliante come una sirena, questo giovane demonio è pronto a scivolare leggiadra tra le ombre per affondare il suo coltello nella gola di chi la ostacola.

La Lupa

La Lupa Sarah, detta "La Lupa" per la sua ferocia, è la figlia di Cibele e Isaia, e dirige la Tetrabank. All’interno della Loggia Nera prende tutte le decisioni più importanti. È una donna decisa e ambiziosa, pronta a tutto per arrivare al suo scopo, persino a sacrificare sua figlia Cronide, se si dovesse rivelare una mela marcia. Alla fine della serie scopriamo che Sarah ha avuto un altro figlio dal nome Iblis.

Cibele

Cibele È la prima della triade delle madri della Loggia. In gioventù scelse Isaia per concepire Sarah, ma il suo cinismo spinse l’uomo a fuggire dall’organizzazione. Oggi Cibele riveste per lo più un ruolo di supporto della figlia Sarah detta La Lupa.

La Loggia Nera

La Loggia Nera E’ un’organizzazione segreta che affonda le sue origini esoteriche nella mitologia etrusca, ed è guidata da una triade femminile (attualmente: Cibele, Sarah e Cronide) consacrata al culto di un oscuro demone femminile. Le tre madri seguono rigorosissimi rituali per essere certe di generare esclusivamente una discendenza femminile: eventuali figli maschi non possono salire al potere, e vengono di fatto allontanati (come è accaduto con Iblis, figlio di Sarah). La Tetrabank è una holding nel campo bancario e dell’informazione guidata da Sarah, e perciò dalla Loggia Nera. I suoi membri tengono stretti contatti con alte personalità della politica e dell’economia italiana, e anche con personaggi protagonisti di fatti tutt’altro che edificanti svoltisi ai tempi della Resistenza. Molti esponenti del mondo imprenditoriale e dello spettacolo sono affiliati alla Loggia: l’industriale Ermete Borgia, per esempio, usa la sua posizione elevata per fomentare sentimenti di tensione e minaccia, aiutato dal corrotto giornalista Manuel Matter (doppiogiochista, membro della Fratellanza ma in realtà fedele alla Loggia): in tal modo i due possono alimentare le proprie ambizioni economiche e di notorietà. In più occasioni la Tetrabank tenta di acquistare Radio Strega, per mettere al silenzio la voce del dissenso e controllare da vicino Desdemona ma Boss non dà loro partita vinta. La Loggia Nera organizza attentati terroristici per portare lo Stato alla deriva autoritaria, e approfittare del vuoto di potere per collocare nelle giuste posizioni uomini a lei fedeli. Le uova di basilisco sono l’arma ideale per tale scopo, minuscoli esplosivi nucleari in grado di radere al suolo un’intera città. La Loggia può persino manipolare aspiranti martiri per inserirli all’interno del loro corpo e trasformarli in detonatori umani. La Loggia Nera è specializzata nel manipolare fanatici, disperati o idealisti per compiere azioni criminali da cui trarrà vantaggio. Nel corso degli anni la Loggia ha intrecciato legami con il fondamentalismo islamico, con gli ecoterroristi e con varie piccole bande criminali, fornendo loro mezzi dichiarando di volerli aiutare, ma in realtà perseguendo i propri piani attraverso la loro manipolazione. La Loggia è anche legata al nazifascismo, come dimostra il fatto che il vecchissimo gerarca Kurt Galler e suo figlio Hans (fratellastro di Isaia) ne fanno parte. Nel mondo esistono numerose sette e organizzazioni segrete esoteriche, anche più potenti della Loggia, perciò quest’ultima aspira di compiacerle per poter entrare a far parte della Sinarchia mondiale che stanno costruendo. Per celare alla nazione i suoi numerosi scheletri nell’armadio, la Loggia non si fa scrupolo a eliminare chiunque la minacci. I suoi agenti, esperti nell’omicidio e nella dissimulazione, sono abili nel mascherare le loro esecuzioni come suicidi o morti accidentali. Hans, il fratellastro di Isaia, è il responsabile delle operazioni sul campo: in genere si muove sempre circondato da almeno una decina di agenti e, talvolta, è in compagnia anche della letale Cronide.

La Fratellanza

La Fratellanza La Fratellanza è un’organizzazione para-massonica che si oppone alla Loggia Nera. La sua rete di contatti è vasta e ramificata e i suoi metodi spesso non si distinguono granché da quelli spietati della Loggia. Nella fiction della serie a fumetti, La Fratellanza conta diverse basi segrete ubicate all’interno di palazzi storici di Bologna e Firenze: Villa Demidoff a Pratolino, Palazzo Pitti, Palazzo Vecchio e Il museo Stibbert a Firenze e Porta Saragozza a Bologna. La Fratellanza ha per molti anni coperto Isaia Metus, fuggito dalla Loggia Nera, e ha sfruttato le sue conoscenze per infliggere duri colpi all’organizzazione di Sarah. La Fratellanza rispetta una gerarchia che rimanda alle iniziazioni massoniche e segue fedelmente le profezie di Paracelso riguardo la "Lacrima di luna", anche se il loro vero significato è spesso, volutamente o meno, travisato da coloro che le interpretano. La Lacrima di luna è una sostanza alchemica custodita da tempo immemorabile da una tribù di zingari, a cui apparteneva anche Zveza, la madre di Isaia. Gli effetti che provoca variano a secondo la si esamini da un punto di vista esoterico o da uno strettamente scientifico; si pensa perciò che possa piegare lo spazio-tempo (ed, eventualmente, riportare chi la usa indietro di pochi attimi come di vari anni) oppure, secondo una visione più razionale, scatenerebbe infatti un’abnorme produzione di dimetiltriptamina (sarebbe infatti un allucinogeno alquanto potente). Di certo, chi ne entra in contatto si trova davanti a eventi spiacevoli o a visioni terrificanti. I nazisti la usavano come additivo per il funzionamento dei fliegender scheiben, i dischi volanti studiati come arma definitiva del Reich, insieme al Mercurio Rosso. Da molti ritenuto soltanto una favola, il Mercurio Rosso è un componente segreto che permette di realizzare ordigni nucleari di elevata potenza distruttiva, e persino armi nucleari a fissione potenziata. È una sostanza così rara, e praticamente impossibile da trovare in commercio, che da anni viene considerata una bufala ideata per ingannare i terroristi di tutto il mondo disposti a spendere grosse cifre per averla. La lacrima di luna, aggiunta al mercurio rosso, è in grado di aumentare notevolmente il già estremo potere distruttivo dell’esplosivo. Questa micidiale sostanza viene trasportata in recipienti detti, per tradizione alchemica, uova di basilisco. Un solo uovo, se subisce una sollecitazione sufficiente, è in grado di polverizzare mezza Roma.